Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

I negozi della nostra zona

Inserito il 4 Marzo 2012 alle ore 08:00 da Don Gianni Antoniazzi

I negozianti della zona hanno espresso un disagio. Come parroco desidero manifestare la mia personale vicinanza ai commercianti del territorio e chiedo di riflettere sul futuro.

In questo periodo più volte i negozianti della zona hanno espresso il proprio disagio. Da una parte c’è la presenza dei centri commerciali che, coi prezzi tirati all’osso, soffocano il resto del mercato. Dall’altra parte c’è la questione dell’apertura domenicale: in questo modo le catene commerciali grattano il fondo del barile e mettono sempre più scompiglio nelle botteghe tradizionali. Infine, per noi di Carpenedo, c’è la prospettiva che possa cambiare la viabilità con la chiusura totale di Via Trezzo.

Come parroco desidero esprimere la mia personale vicinanza ai commercianti del territorio e chiedo di riflettere attentamente sul futuro. Gli anni passano e diventeremo più vecchi: ci farà sempre più comodo avere sotto casa un negozio dove prendere gli articoli necessari. Non possiamo finire come il centro storico di Venezia, dove, per trovare un negozio di alimentari, bisogna fare un quarto d’ora di strada. Ebbene: se fra qualche anno vogliamo avere qualche servizio nel territorio, adesso dobbiamo dare più sostegno, anche con scelte concrete.

Ai commercianti domando due cose: di mantenere  i prezzi più bassi possibile e di offrire ai clienti la cortesia di un rapporto di fiducia personale. è  una carta vincente che nessun centro commerciale può dare. Se qualcuno poi lo desidera sono ben lieto di invocare man mano la benedizione del Signore in ogni attività commerciale (gratis s’intende): l’ho già fatto con chi mi ha chiesto, ma ho un po’ di pudore a farmi avanti con gli altri. Basta telefonare in segreteria e indicare il momento più opportuno.

don Gianni Antoniazzi

Una replica to “I negozi della nostra zona”

  1. Commento numero 1 di Enrico e Cristina Tarda

    Concordiamo pienamente. La strada dell’acquisto ecologico, passa anche da soluzioni di acquisto appiedato o al più in bici, … ma nei negozi vicini alla propria abitazione. Si risparmia carburante, si guadagna in salute e relazioni.

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web