Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Scelta del 5 per mille

Scritto il 29 Maggio 2011 12:45 da Redazione Carpinetum

In sede di dichiarazione deI propri redditi è possibile destinare il 5‰ in favore della

FONDAZIONE “PIAVENTO” – Onlus

Con questa scelta si aiuta una istituzione che opera nel campo della carità gestendo la casa per anziani di via Vallon e la Bottega Solidale.
Basta apporre la propria firma sulla casella dove è scritto:
Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale” e riportare il codice fiscale:

90017970279

“Narrerò quanto per me ha fatto” (Salmo 65)

Scritto il 29 Maggio 2011 08:03 da Don Danilo Barlese

In queste Domeniche di maggio piene di sole la comunità sta vivendo i momenti di festa che portano a compimento un anno di cammino: il Germoglio, le tappe dei bambini delle elementari, i Sacramenti per i ragazzi di prima e terza media, i gruppi sposi, le uscite dell’Agesci e tante altre occasioni di incontro gioioso e di verifica.

In questo turbinio di incontri giunge improvvisa la chiamata del Patriarca ad altro incarico.

Il Signore mi chiede di compiere un nuovo “tornante” nella mia vita. Non sarà facile lasciare questa comunità che amo e con cui ho camminato per le strade che il Signore ci ha mostrato. Quanti volti e quante mani mi hanno testimoniato la Fede, la Speranza e la Carità!

Sono sempre stato contento della chiamata al sacerdozio che il Signore mi ha donato; spero di esserlo per sempre con l’aiuto della sua Grazia e con l’aiuto di tante persone come è stato qui a Carpenedo. Desidero proseguire con entusiasmo e con tutto il cuore il mio ministero anche se il “distacco” da questa bella famiglia costa dolore e fatica.

Nell’occasione del saluto a settembre spero di aver modo di esprimere al meglio a tutti i miei sentimenti e il mio grazie. Per ora vi chiedo di continuare a pregare per me e per il compito che mi attende a servizio del Vangelo e della diocesi: spero di interpretarlo con lo sguardo della fede, con passione e con creatività.

Grazie. Grazie a tutti.

Don Danilo

Ultimi giorni per il concorso fotografico on-line del Gruppo Missioni

Scritto il 27 Maggio 2011 07:36 da Redazione Carpinetum

Cari amici, a seguito della pubblicazione del nostro concorso fotografico on-line, che ha come tema “l’acqua”, i gestori del rifugio “Gugliemo Pelizzo” (m.1325)  si sono proposti di partecipare all’iniziativa,  dedicando  la giornata di domenica 28 agosto, a favore dei bambini del Terzo Mondo, esponendo le foto scelte dalla giuria per la stagione estiva con le stesse modalità e premi del rifugio Dal Piaz.

Il Rifugio sorge sulle pendici meridionali del monte Matajur ed è raggiungibile direttamente per la strada asfaltata che sale da Savogna.
Dal rifugio un sentiero percorribile in 45 minuti porta diritti fino alla cima del Matajur da dove si gode un panorama stupendo.
Per averne un’idea basta collegarsi al sito http://www.cividale.com/dintorni/pelizzo.asp

Alla luce di questa nuova opportunità vi chiediamo di dare la massima diffusione del concorso fotografico on-line anche attraverso i diversi social network (facebook, twitter) che comunemente vengono utilizzati.

Vi ricordiamo che:

  • la scadenza è fissata il 31 maggio 2011;
  • il bando del concorso lo si può consultare alla pagina http://www.gruppomissioniterzomondo.org/notiziari/2011/notiziario-3_2011.html
  • ogni partecipante ha l’opportunità vedere (e far vedere) le proprie foto esposte sia durante la sagra, sia al rifugio dal Piaz e sia infine al rifugio Pelizzo;
  • è un’iniziativa a favore dei bambini poveri e non costa nulla parteciparvi.

 

Sintesi del verbale del Consiglio Pastorale del 17/5/2011

Scritto il 25 Maggio 2011 02:35 da Redazione Carpinetum

L’incontro con il Santo Padre Papa Benedetto, venuto nelle nostre terre per confermarci nella fede alla chiusura della Visita Pastorale Diocesana, ci aiuta a riflettere sul percorso svolto dalla nostra Comunità, con l’obiettivo di individuare le attenzioni prioritarie per il prossimo anno pastorale.
Seguono in sintesi i vari interventi:

  • E’ prioritario cogliere l’ampia presenza di genitori nella nostra Comunità: dai gruppi sposi, agli amici del patronato, ai genitori che seguono i ragazzi nei percorsi di catechesi o scout, con l’obiettivo di valorizzare la loro presenza, migliorandone il coinvolgimento per crescere come Comunità.
  • Le molte attività ed i molteplici appuntamenti presenti richiedono un’attenta programmazione, onde evitare spiacevoli sovrapposizioni e contrasti.
  • Il lavoro del prossimo anno potrebbe seguire tre filoni: la famiglia; una concreta attenzione al sociale (parrocchia attiva nel territorio); la formazione cristiana e sfida educativa.
  • L’assemblea del prossimo anno potrebbe iniziare con una grande e lunghissima tavolata, si ricordi la mensa di Emmaus; la Comunità famiglia di  famiglie si ritrova, si riscopre, si incontra e condivide.
  • Nell’ambito della sfida educativa proporre, specie ai giovani, di mettersi in relazione con gli altri avendo nel cuore la pace. Ai nostri giovani dobbiamo fare proposte di esperienze forti e comunitarie, come pellegrinaggi o uscite, per aiutarli a camminare assieme,  scambiare idee per vivere assieme la bellezza dell’incontro con il Signore.
  • Curare la catechesi dei più piccoli per coinvolgere i loro genitori, aiutandoli a venire a Messa la domenica con i loro figli.
  • Coordinare le diverse attività ed uscite con l’obiettivo di permettere la maggior partecipazione possibile degli adulti, andando incontro alle diverse esigenze. Aiutare e favorire l’inserimento di adulti capaci di coordinare l’attività e le uscite, attivando un servizio di adulti agli adulti.
  • La domenica mattina i nostri ragazzi scout stanno svolgendo la loro attività a singhiozzo, perché la Messa alle 9.30 impedisce attività lunghe, ponendo difficoltà di tipo logistico e pratico. Gli stessi  capi vivono lo stress della fretta e non riescono ad instaurare una buona relazione educativa. Si chiede di rimettere in discussione l’orario delle Sante Messe domenicali.
  • L’attuale orario domenicale ha rinvigorito le celebrazioni favorendo la distribuzione delle persone tra la Messa delle 9.30 e delle 11. è vero che molte persone continuano ad arrivare in ritardo anche alle 9.30, ma questo sarà un problema difficilmente sanabile. Sono innegabili le agevolazioni pastorali ed il guadagno sui tempi di preparazione delle Messe.
  • A settembre, dopo la pausa estiva, si valuterà l’eventuale riassestamento degli orari delle S. Messe.
  • Occorre non dimenticare gli anziani, parte importante della Comunità, verso i quali l’impegno, il tempo e le attenzioni dedicate devono essere sempre prioritarie.
  • L’Eucaristia ha una priorità assoluta e va preparata nel modo migliore, a partire dai canti, che facilitano  la partecipazione. Nelle celebrazioni eucaristiche va favorito l’incontro della Comunità, curando il prima ed il dopo. Questo è possibile se si garantisce uno spazio  ed un respiro adeguato tra le celebrazioni recuperato con i nuovi orari.
  • Il prossimo anno potrebbe avere come tema centrale lo stile di vita; definire cosa ci sta a cuore, condividere valori, assumere responsabilità da tradurre in testimonianza del singolo e della comunità. Anche i lavori del Consiglio Pastorale potrebbero avere in alcuni incontri un respiro diverso e vedere, ad esempio, un intero pomeriggio dedicato all’attività del Consiglio stesso.
  • Il prezioso lavoro svolto dalla Bottega Solidale ha bisogno di essere inquadrato nel percorso di ripensamento e revisione di tutto il servizio caritativo, con il fine di migliorare la qualità  del servizio stesso e la gestione delle risorse. A questo proposito è avviato l’ulteriore adeguamento dei locali utilizzati.

Don Danilo nominato Moderatore di Curia (Moderator Curiae)

Scritto il 23 Maggio 2011 02:23 da Redazione Carpinetum

Giovedì 19 maggio, al termine dei lavori del Consiglio Presbiterale, il Patriarca Angelo ha annunciato la nomina di Don Danilo a Moderatore di Curia, incarico fino ad oggi affidato al Vicario Generale Mons. Beniamino Pizziol, che a fine giugno inizierà il suo nuovo ministero come Vescovo di Vicenza.

Il Moderatore di Curia aiuta il Patriarca nel coordinamento delle attività della Curia diocesana, nel rapporto degli Uffici pastorali con le parrocchie e con le realtà ecclesiali, garantisce l’organizzazione ed il lavoro comune della Curia.

Il passaggio al nuovo incarico sarà graduale nel corso dell’estate.
A settembre saluteremo Don Danilo e accoglieremo il nuovo Parroco che la Provvidenza ci donerà.

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale rivolge, a nome della Comunità tutta, un particolare e sentito ringraziamento a Don Danilo per la sua preziosa opera tra noi.
Il suo carisma ha tracciato un nuovo cammino per la nostra Comunità parrocchiale.

Invitiamo la Comunità tutta a pregare il Signore perché lo accompagni e lo assista nel delicato compito ora affidatogli.

Orari Sante Messe di domenica 29 maggio

Scritto il 23 Maggio 2011 10:24 da Redazione Carpinetum

ATTENZIONE ! ! !

Per la celebrazione dei Sacramenti dell’Iniziazione
MODIFICA ORARIO DELLE SANTE MESSE
DEL MATTINO DI DOMENICA 29 MAGGIO:

– ore 8 – 9.30 – 11.15 (no alle 11 e alle 12)
– ore 10 in monastero
– alla sera, come al solito alle 18.30

Io sono la Via, la Verità e la Vita

Scritto il 22 Maggio 2011 07:59 da Don Danilo Barlese

In questi giorni siamo stati invitati a pregare particolarmente per le vocazioni alla vita consacrata e per la “famiglia” del nostro seminario.

Torna ogni anno alla quarta e alla quinta Domenica di Pasqua l’invito a rinnovare la nostra attenzione alla chiamata di Dio in vista di una dedizione totale al Signore Gesù vissuta nella povertà, nell’obbedienza, nella castità e/o nel ministero dell’Ordine a servizio di tutti i battezzati.

Ma la risposta di un giovane o di una giovane alla chiamata di Dio alla vita consacrata chiede innanzitutto il Sì a Gesù Cristo come reale Signore della propria vita.

L’esperienza personale che tutta la Vita è Vocazione (chiamata-risposta) e che il Signore Gesù per me è la Via, la Verità e la Vita è il passaggio previo necessario.
Senza questa appartenenza a Cristo nella Chiesa anche una prospettiva di vita religiosa è più basata su miei progetti piuttosto che sull’obbedienza ai fatti e agli incontri “provvidenziali” della vita.

Questo Sì al Signore Gesù non si improvvisa e generalmente fiorisce nel cuore provocato dai testimoni di fede che “incrociamo” sulla nostra strada.

Enorme importanza hanno la preghierina ascoltata da papà e mamma, il gesto di carità compiuto insieme al nonno, la Santa Messa partecipata insieme agli amici, la partita di calcio o di pallavolo dopo il dialogo con gli educatori…

Incontrando i ragazzi e le ragazze delle nostre famiglie e della nostra comunità, chiediamo sempre  al Signore la grazia di domandarci che cosa desidera Lui per loro, qual è il suo disegno su ciascuno di loro. Solo aiutandoli a rispondere al disegno di Dio saranno veramente felici e diventeranno a loro volta testimoni dentro questa nostra storia.

Dona Signore anche alla nostra comunità parrocchiale ragazzi e ragazze che accolgano la chiamata che Tu hai già posto nel loro cuore per una vita di speciale consacrazione o per il sacerdozio ministeriale.

Don Danilo

GRAZIE, PAPA BENEDETTO per essere venuto a confermarci nella Fede

Scritto il 15 Maggio 2011 08:01 da Don Danilo Barlese

La celebrazione dell’Eucarestia al parco di San Giuliano è stato il gesto più semplice e più alto della visita di Papa Benedetto a Venezia e Aquileia. Esperienza di una Chiesa radunata nell’unità del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, presieduta dal successore di Pietro.

Abbiamo lasciato le nostre case e con biciclette, auto e bus ci siamo raccolti sulla spianata e sulla collinetta del parco. Da parrocchie vicine e da paesi lontani.
Non sono mancati il sacrificio e la fatica per coinvolgerci in questo incontro. I più anziani hanno fatto fatica a raggiungere il parco e rimanere sotto il sole, i più giovani non hanno trovato canti conosciuti e adatti per loro, i bambini hanno pazientato ore prima di mangiare e giocare.

Tantissimi hanno trascorso le ore della celebrazione al servizio degli altri, in particolare gli scout con una massiccia presenza del nostro “Mestre 2”.
Qualcuno ha potuto seguire al meglio da vicino, altri da lontano, molti infermi e malati da casa propria attraverso il televisore…

Certamente diversi aspetti possono essere migliorati ed essere spunto per doverose verifiche in vista di eventi di questo genere.

Attraverso questo, nel sole di Domenica scorsa il dono di Dio è giunto al nostro cuore.

Sono rimasti nel cuore il silenzio prima dell’inizio della celebrazione, il suono delle campane, la folla radunata composta da volti di ogni età e condizione, la presenza del vecchio Papa che sottolineava con il tono della voce il nome di Cristo e l’invito alla gioia, – quella gioia che giungeva quando si riusciva ad incrociare il suo sguardo mentre passava in mezzo a noi -, l’esperienza tangibile di essere radunati insieme dall’annuncio del Vangelo e non dalle nostre “affinità”, la chiamata a trasmettere la Speranza ricevuta, l’attesa del “Pane” dell’Eucarestia per ripartire nel perdono e nella comunione.

Ci siamo radunati al parco di San Giuliano per poter meglio tracciare i sentieri della Speranza per le strade del mondo.

Grazie Papa Benedetto per averci confermato in questa fede, grazie per averci ricordato la bellezza dei doni di cui siamo custodi, grazie per averci nuovamente invitato, nel nome del Signore, a trasmettere a tutti la fede, la speranza e la carità che ci sono state donate.

Davvero Cristo è risorto!

Don Danilo

Attività del mese di maggio al Ritrovo degli anziani

Scritto il 13 Maggio 2011 10:53 da Redazione Carpinetum

Da questo mese iniziamo a pubblicare direttamente nel blog il programma del Ritrovo degli anziani, il Centro Sociale per anziani della Comunità.

  • Ogni sera, ore 20.45: S. Rosario in una via della parrocchia.
  • Ogni giovedì, ore 16.30: continua la catechesi sul vangelo della domenica con il diacono Franco.
  • Sabato 14, ore 15.30: La lirica una volta al mese “Rigoletto”.
  • Sabato 21, ore 15.30: Coro “La Barcarola” canzoni popolari veneziane.
  • Sabato 28, ore 15.50: Cronaca di un viaggio in giro per il Brasile.

Se frequentate il Ritrovo o lo frequentano i vostri familiari o assistiti, commentate e fateci sapere cosa pensate delle attività e degli incontri proposti!

Il mese di maggio per essere più testimoni di Gesù

Scritto il 7 Maggio 2011 03:25 da Don Danilo Barlese

La beatificazione di Giovanni Paolo II e la visita di Papa Benedetto aprono questo mese di maggio facendoci fare esperienza del “respiro” della Chiesa universale e ci trasmettono un rinnovato invito ad essere testimoni “fino agli estremi confini della terra”.

Questa testimonianza la tocchiamo con mano nei gesti dei nostri amici più giovani durante il mese di maggio: la riconsegna del Credo dei bambini di quarta, la prima confessione dei ragazzini di quinta, il dono dei Sacramenti ai ragazzi di prima media, il coinvolgimento al servizio dei ragazzi delle medie e dei giovanissimi. Questa loro risposta alla chiamata di Gesù vissuta attraverso esperienze semplici ma importanti è frutto di un lungo cammino in famiglia e dell’attenzione di molti altri adulti e giovani della comunità.

Custodire e trasmettere il respiro del Vangelo in famiglia e in parrocchia è un compito sempre più affascinante e decisivo: mette le fondamenta di un “edificio” che permetterà di testimoniare Gesù nella vita di ogni giorno: a casa, a scuola, al lavoro, nello sport e nel tempo libero.

Far merenda insieme ai bambini, portare a una famiglia povera un saluto e un dolce, pregare un mistero del Rosario per strada o in casa, ascoltare i bambini che raccontano la loro fede, cantare insieme, pulire insieme il campo del patronato o un altare della chiesa… L’elenco potrebbe continuare. Sono gesti solo apparentemente “piccoli” oppure “limitati” al patronato o alla chiesa. In realtà gesti così formano un cuore grande e uno sguardo coraggioso.

Sperimentare che sono “voluto bene”, che tutto mi riguarda e che sono chiamato a incontrare tutti, che “con me” c’è sempre Gesù, la forza del suo Spirito, l’amore materno di Maria, dona un respiro capace di una vita piena in tutti gli ambiti e le ore della giornata.

In realtà non sono gesti da bambini: sono gesti “adulti” da far sperimentare ai bambini.

Affidiamo all’intercessione di Maria tutti questi appuntamenti e questi gesti di maggio: diventino sempre più un dono per tutte le nostre famiglie, per la nostra comunità, per la bellezza della testimonianza da rendere al mondo intero attraverso la fede, la speranza, la carità.

La Santa Eucarestia vissuta insieme in queste Domeniche così ricche dei doni di Dio faccia sgorgare in noi il desiderio di ringraziare, la gioia di incontrarci, la passione di condividere.
BUON “MESE DI MAGGIO” A TUTTI!

Don Danilo

 

« Articoli precedenti