Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Orario Sante Messe

Scritto il 31 Agosto 2012 05:14 da Redazione Carpinetum

Ricordiamo che da domenica 2 settembre 2012, le Sante Messe riprenderanno col consueto orario festivo dell’anno pastorale, e dunque: 8.00, 9.00, 10.30, 12.00.

Restano invariate le celebrazioni serali: il sabato e la domenica alle 18.30.

Lettera Aperta del 2/9/2012

Scritto il 31 Agosto 2012 05:12 da Redazione Carpinetum

Pubblicata anche online Lettera Aperta di questa settimana, la trovate nell’archivio.

Come sempre, se volete discuterne i contenuti potete farlo commentando questo post. Ogni messaggio, positivo o di critica costruttiva, sarà tenuto in considerazione!

Ha ancora senso un amor di patria?

Scritto il 26 Agosto 2012 07:59 da Don Gianni Antoniazzi

Solennemente al campo scout c’è stata l’alza e l’ammaina bandiera quotidiana. Ma bisogna chiedersi come un cristiano possa essere un “buon” cittadino italiano.

L’Italia ha compiuto 150 anni. E la Chiesa, alla sua maniera, ha festeggiato con una solenne liturgia. Ma bisogna essere onesti e ricordare che questo paese si è costituito con fatica, anche contro il volere del papato, e oggi pure c’è chi preferirebbe al suo posto una semplice confederazione, in ubbidienza alle ideologie di interessi personali.

Da parte mia, mi sento cristiano e italiano. Due appartenenze che non contrastano né sono in concorrenza fra loro. Anzi: vi è una possibile convergenza per il “bene comune”. Ricordo le parole degli antichi padri (S. Giustino in primis): i discepoli del Signore abitano tranquillamente la polis e partecipano responsabilmente alla storia del paese senza evasioni ed esenzioni. Certo: l’Italia non è un articolo di fede né un principio strutturale della Chiesa che resta cattolica e universale. Ma i cristiani sono chiamati ad amare la terra data loro in sorte (Giustino). Per lei c’è gratitudine e rispetto: ha dato da vivere a padri e figli. Di più: si prega per i governanti – anche non cristiani – come nell’antichità si pregava per l’Imperatore. I Cristiani partecipano  con responsabilità alla costruzione della società italiana e lavorano per la giustizia, la libertà e la pace: nella buona e cattiva sorte. Ben sapendo che non sono le proteste o le rivoluzioni a cambiare profondamente il corso degli eventi, ma piuttosto l’amore a immagine del Crocifisso.

Noi cristiani dobbiamo anche superare il nazionalismo, come se la nostra cultura fosse migliore, senza o contro gli altri. E dobbiamo vigilare che non si affermino spinte localistiche che generano razzismo verso i lontani e le regioni vicine. È sempre molto più ciò che unisce e porta a convergenze, ben sapendo che il progresso o è di tutti o di nessuno. Un ripiegamento su di sé e l’esclusione dell’altro contraddirebbe gravemente l’ispirazione cristiana. Sa di barbarie e di regresso ciò che si afferma “da solo”: figli di nessuno non si nasce.

don Gianni Antoniazzi

Lettera Aperta del 26/8/2012

Scritto il 24 Agosto 2012 07:20 da Redazione Carpinetum

Pubblicata anche online Lettera Aperta di questa settimana, la trovate nell’archivio.

Come sempre, se volete discuterne i contenuti potete farlo commentando questo post. Ogni messaggio, positivo o di critica costruttiva, sarà tenuto in considerazione!

La giornata della solidarietà al rifugio Dal Piaz, il 26/8/2012

Scritto il 23 Agosto 2012 03:39 da Redazione Carpinetum

Volete passare una bella giornata in montagna e fare del bene ai bimbi del terzo mondo?

Tenetevi liberi il 26 agosto 2012 per la giornata della solidarietà al rifugio Dal Piaz.
Per informazioni consultate il notiziario 7/2012 del Gruppo Missioni Terzo Mondo.

Come si fa a chiamarle ferie?

Scritto il 19 Agosto 2012 07:57 da Don Gianni Antoniazzi

Rientrato dai campi molti mi hanno chiesto come fossero andate “le ferie”. È bene chiarire, anche per difendere la qualità della proposta e l’operato degli adulti.

È bello ma non è semplice avere i figli degli altri. Sulle labbra c’è il sorriso ma nel cuore il peso di rendere conto di tutto. Chi è responsabile si sveglia presto e va a letto tardi. Dorme per modo di dire, pronto ad intervenire quando serve. La giornata è ritmata da attività continue. I responsabili partecipano alle uscite, ai momenti formativi, ma anche ai giochi e a tutti i disagi. Non si sta fermi, neppure un momento. C’è sempre la preoccupazione per la crescita umana e spirituale dei ragazzi senza la quale tutto sarebbe inutile. Ci sono mille imprevisti, le corse in ospedale, i ritardi e le contestazioni di qualcuno, perché non tutti hanno la stessa testa. Talora si dorme a terra, con una minima tendina, altre volte in mansarde impolverate o sul nudo cemento con stuoino e sacco a pelo.

Pur limitato come sono nell’uso dell’intelligenza non chiamerei “vacanza” questo tempo. Né adesso, né in passato ho visto una corsa dei preti per partecipare a queste esperienze.

E non si stacca la spina dalle attività quotidiane. La tecnologia è satanica: col cellulare e il computer si è al lavoro ovunque. Sempre connessi alla parrocchia e sempre a disposizione di chi ha necessità.

Perché scrivo queste cose? Non per difendere me stesso ma gli animatori, organizzatori, capi scout, cuochi e cambusieri. Hanno rinunciato alle ferie. Hanno faticato e vanno ringraziati. E sia chiaro che la parrocchia non propone vacanze a basso prezzo, ma esperienze a tutto tondo, gioiose e formative, appassionanti e faticose al contempo.

Spero che nessuno mi chieda più delle ferie: non le faccio da 20 anni. Semmai bisogna domandarsi se il lavoro porterà frutto.

don Gianni Antoniazzi

Lettera Aperta del 19/8 e Gazzetta dei Carpini

Scritto il 17 Agosto 2012 06:52 da Redazione Carpinetum

Pubblicata anche online Lettera Aperta di questa settimana, la trovate nell’archivio.

Come sempre, se volete discuterne i contenuti potete farlo commentando questo post. Ogni messaggio, positivo o di critica costruttiva, sarà tenuto in considerazione!

Pubblicata inoltre la Gazzetta dei Carpini con le foto delle gite svoltesi durante il GREST 2012.

E’ mancata suor Laura Piazzesi

Scritto il 13 Agosto 2012 08:39 da Redazione Carpinetum

Riceviamo dal Gruppo Missioni Terzo Mondo:

Con profondo dispiacere abbiamo ricevuto una triste notizia: il 10 agosto alle ore 09.45 circa è mancata suor Laura Piazzesi, la nostra referente per le adozioni a distanza nelle Filippine. Lo scorso 31 luglio suor Laura era stata portata in ospedale a causa di un trauma cranico dovuto ad una caduta mentre si trovava nella sua camera. Poche ore dopo è entrata in coma senza più riprendersi.  Per noi del Gruppo Missioni è stato un fulmine a ciel sereno; sapevamo che suor Laura aveva problemi a deambulare e che recentemente la retina dei suoi occhi era stata colpita da macula degenerativa, però superava questi gravi handicap sapendo vedere molto bene con il cuore e con l’aiuto di nostro Signore.

Abbiamo conosciuto suor Laura nel giugno del 2008 quando aveva contattato il gruppo missioni attraverso don Armando che fino ad allora, come parroco di Carpenedo, l’aveva sempre aiutata nelle sue opere missionarie. Abbiamo tutti bene impresso nella mente quel giorno, un giorno particolare perché raramente si incontrano persone di 82 anni dall’intelligenza così vivace e dai modi semplici e diretti. Emanava una straordinaria aura di serenità e bontà quando parlava del Signore e dei suoi “pargoletti” bisognosi di esser aiutati. Rivelava una fede incrollabile servendo costantemente Dio e il prossimo con tutto l’amore che giornalmente riversava nel suo lavoro di straordinaria carità verso gli altri.

E’ proprio da questo incontro con suor Laura che il Gruppo Missioni ha cominciato ad aprire il fronte delle adozioni a distanza nelle Filippine, e in questi anni siamo stati sempre in contatto con lei via internet, lei che alla sua età stimolava le giovani consorelle canossiane ad imparare l’uso del computer per rimanere sempre al passo con i tempi. Le sue mail erano sempre di piacevole lettura e non mancava mai di ringraziare tutti i benefattori, ricordandoli nelle sue preghiere.

Suor Maureen, dandoci questa notizia, ci chiede di poter continuare a sostenere i “pargoli” di suor Laura specialmente ora che non è più con noi. Certamente il nostro impegno non mancherà e speriamo che da lassù ci sostenga con la stessa amorevolezza che le era propria.

per il gruppo missioni terzo mondo
Gianni Scarpa

Chi desidera leggere la sua presentazione agli sponsor la può trovare nel nostro sito
http://www.gruppomissioniterzomondo.org/filippine/la_nostra_referente.html

15 agosto, Assunzione della Beata Vergine Maria

Scritto il 12 Agosto 2012 08:00 da Don Gianni Antoniazzi

Mercoledì prossimo la Chiesa celebra la memoria dell’Assunzione di Maria al cielo.
Alla fine del suo passaggio sulla terra, la Madre del Redentore, preservata dal peccato e dalla corruzione, è stata elevata nella gloria in corpo e anima vicino a suo Figlio, nel cielo. La tomba vuota di Maria, immagine della tomba vuota di Gesù, significa e prelude alla vittoria totale del Dio della vita sulla morte, quando alla fine del mondo farà sorgere in vita eterna la morte corporale di ognuno di noi unita a quella di Cristo.

Si tratta di una festa divenuta ormai pretesto per la “vacanza” estiva. In realtà è una celebrazione di precetto ricca di significati e preziosa per la nostra fede.

Senza interferire con i progetti di nessuno, è giusto raccomandare a chi resta in parrocchia di non mancare alla celebrazione dell’eucaristia.

Lettera Aperta del 12/8 e Gazzetta dei Carpini della settimana

Scritto il 10 Agosto 2012 03:55 da Redazione Carpinetum

Pubblicata anche online Lettera Aperta di questa settimana, la trovate nell’archivio.

Come sempre, se volete discuterne i contenuti potete farlo commentando questo post. Ogni messaggio, positivo o di critica costruttiva, sarà tenuto in considerazione!

Pubblicata inoltre la Gazzetta dei Carpini con alcune bellissime foto scattate direttamente dai bambini durante il laboratorio di fotografia al GREST 2012.

« Articoli precedenti