Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Indulgenza del PERDON D’ASSISI

Scritto il 31 Luglio 2010 02:24 da webmaster

Dal mezzogiorno di Domenica 1° agosto e per tutta la giornata di LUNEDì 2 AGOSTO, nelle chiese parrocchiali e francescane si può ricevere l’indulgenza della Porziuncola (Perdon d’Assisi) attraverso la visita alla chiesa e un momento di preghiera in particolare con la recita del Credo e la preghiera del Padre nostro secondo le intenzioni del Papa.

Trovate maggiori informazioni in nel nostro sito.

Don Marco sarà Parroco

Scritto il 27 Luglio 2010 10:34 da Don Danilo Barlese

Carissimi/e,
nel cuore dell’estate ci raggiunge l’annuncio della nomina a Parroco del nostro don Marco.
La notizia da un lato ci riempie di letizia e di soddisfazione perché questo nuovo ministero dona ad un sacerdote la responsabilità della cura della “famiglia allargata” di una determinata comunità.
D’altra parte il cuore prova dispiacere perché si dovrà concludere un cammino pastorale comune con un compagno di strada generoso, discreto e intelligente.
L’appartenenza alla Chiesa di Venezia ci spinge ancor più a custodire i frutti delle esperienze condivise in questi quattro anni e a cercare i luoghi e le occasioni per nuovi momenti di incontro e di impegno comune.

Caro don Marco,
sono certo che tutto il tempo donato in mezzo a noi porterà frutti abbondanti che passeremo nelle mani anche del nuovo cappellano (il cui nome conosceremo a fine agosto).
Il distacco porta con sé sempre un sacrificio e una sofferenza nel campo degli affetti: soprattutto, ne sono certo, in tanti ragazzi e ragazze, in tanti giovani e adulti, che hanno potuto trascorrere con te giornate e momenti importanti per la loro vita e per la crescita nella fede.
Io ringrazio insieme con te il Signore per il dono che sei stato e che sei per la nostra comunità di Carpenedo e per il nostro vicariato, per tutte le Sante Eucarestie che hai presieduto per noi, per tutti i giorni trascorsi insieme, a servizio del Vangelo, con semplicità, con sempre maggiore “complicità”, con gioia.
Il Patriarca ti ha chiesto di diventare segno del “Pastore Buono” per la comunità cristiana dei Ss. Francesco e Chiara di Marghera (mantenendo i precedenti incarichi diocesani nella pastorale sociale).
Noi preghiamo per te, perché il Signore ti sostenga e ti illumini in questa nuova avventura.
Tu continua a pregare per noi perché Gesù, il Crocifisso Risorto, ci doni di crescere nella santità e di edificare una comunità cristiana secondo la sua volontà.

Saluteremo e ringrazieremo coralmente don Marco a settembre e nel mese di ottobre lo accompagneremo al suo ingresso come Parroco in quel di Marghera.
Negli stessi giorni accoglieremo il nuovo cappellano, anzi fin d’ora preghiamo il Signore per lui, (chiunque il Signore ci manderà).

Nel frattempo la parola più adeguata è sempre “GRAZIE”. “Grazie” per aver condiviso un tratto di strada con il mistero della vocazione di un prete che ci ha testimoniato il suo amore per Gesù, per la Chiesa, per il mondo.
Invochiamo insieme il dono inestimabile di vocazioni alla vita consacrata nella nostra Chiesa di Venezia e nella nostra comunità parrocchiale, pronti ad accompagnare tutti, anche fossero… milanisti!

Don Danilo

Con Cristo sepolti nel battesimo, con Lui siamo risorti

Scritto il 25 Luglio 2010 08:00 da Don Danilo Barlese

’appartenenza a Cristo dal quale proviene ogni dono divino è stata fissata nel Battesimo. (Col 2,12-14, seconda lettura)
Occorre che i cristiani si ricordino cosa significa il Battesimo per la loro propria vita.

A San Paolo preme sottolineare la novità di vita che ne risulta. I battezzati sono stati da Dio trasformati nel loro essere profondo. Da una situazione di peccato, di lontananza da Dio e quindi di morte, noi, nel Battesimo, siamo passati sotto la signoria di Cristo.
Il Battesimo ci inserisce nell’evento pasquale della morte-risurrezione di Gesù, in quell’evento che costituisce la grande svolta nella storia dell’umanità.

Nella sua morte in croce, Gesù ha vissuto con noi e a nostro favore la separazione da Dio che caratterizza la condizione umana di peccato. Ma egli ha vissuto questa totale solidarietà con la nostra condizione di lontananza da Dio nella massima obbedienza filiale, in totale apertura all’azione del Padre che lo risuscita. La nostra vera morte avviene nel Battesimo: siamo con-morti, con-sepolti con Cristo. Questa partecipazione alla morte del Signore avvenuta nel Battesimo viene attuata lungo la nostra esistenza nella «fede che agisce mediante l’amore» (Gal 5, 6), e la morte fisica non è che l’ultimo “Sì” a quanto è già fondamentalmente avvenuto nel Battesimo.

“Nella fede che agisce mediante l’amore”, già è all’opera lo Spirito Santo, lo Spirito del Risorto.
San Paolo insiste e mette in luce, con altri temi, il passaggio avvenuto per ognuno nel Battesimo. Nel passato eravamo morti, come il figlio prodigo, lontano dalla casa del padre. Attori in un mondo dominato dal male, dalle strutture di peccato, per il rifiuto di rinunciare al proprio egocentrismo, eravamo già morti ben prima di ricevere il battesimo. Essere sepolti con Cristo significa allora essere “morti alla morte” che è lontananza da Dio, morire ad una esistenza di vita del tutto sbagliata, che non poteva non condurre al fallimento definitivo.

Ma ciò che conta è che Dio ha perdonato, ha quindi, per propria iniziativa, tolto la separazione con Lui. La vita nuova ricevuta da Dio al battesimo e nella fede si caratterizza come un vivere-con-Cristo: solo nella comunione con Gesù risorto l’uomo si trova realizzato, perché riceve quella forza capace di superare l’egocentrismo fondamentale, riceve l’amore, che è la vita stessa delle Persone divine, creatrice di comunione.

Il v. 14 lo esprime con l’immagine del certificato di debito: “Cristo ha tolto di mezzo il documento scritto contro di noi che, con le prescrizioni, ci era contrario. Lo ha inchiodato alla croce

L’uomo è in debito nei confronti di Dio, si trova con Lui in un rapporto fallimentare. In rigore di giustizia, non c’è per il peccatore altra possibilità che presentare a Dio questo documento dove è segnata, con l’elenco delle nostre trasgressioni, la nostra propria condanna. Ma Dio ha messo una croce sopra questo documento, lo ha annullato «inchiodandolo alla croce», come un contabile attacca al chiodo una fattura pagata.

Nella morte in croce di Gesù, il Padre ha tolto, gratuitamente per puro amore, l’ostacolo che allontanava l’umanità dalla Sua presenza. Con la venuta di Gesù, l’umanità vive sotto il Perdono definitivo di Dio che diventa efficace in ognuno nella misura in cui anche noi rimettiamo i debiti a coloro che sono in debito con noi. L’attenzione si porta dunque in finale su Gesù risorto, la risposta che la fede dà ai problemi esistenziali dell’uomo. Non c’è bisogno di oroscopi e altre potenze! «Essere con Lui» ci rimanda anche al suo Corpo che è la Chiesa, e quindi alla vita d’unità della comunità, spazio dove viene fin d’ora vissuta la comunione piena con il Padre.

Don Danilo

Il sito del Gruppo Missioni Terzo Mondo

Scritto il 21 Luglio 2010 07:11 da webmaster

Nell’ambito della nostra parrocchia opera da molti anni un gruppo di adozioni/sostegno a distanza per i bambini in difficolta’ in India, Kenya e nelle Filippine.

Raccomandiamo una visita al sito del Gruppo Missioni Terzo Mondo. E’ aggiornato frequentemente e da’ conto anche con immagini e video di tutte le attivita’ portate avanti dal gruppo.

Un cantiere per il Redentore

Scritto il 19 Luglio 2010 05:48 da Don Danilo Barlese

è iniziata l’avventura del restauro della volta della nostra chiesa. In pochi giorni i tubi innocenti hanno raggiunto “le stelle”. Il nostro Crocifisso circondato dalle impalcature è un rinnovato invito a fare della nostra comunità parrocchiale un appassionato “cantiere” per edificare continuamente al Signore una “casa” capace di raccontarlo, di incontrarlo, di farlo toccare con mano. Una “casa” che quanto più ha buone fondamenta, tanto più è pronta ad andare verso tutti, fino agli estremi confini.

Buon lavoro agli operai e alle maestranze!

Continuiamo a sostenere anche con le nostre piccole ma preziose offerte questo restauro, simbolo di un dono molto più grande: Dio con noi.

Don Danilo

Ritardi… recuperati

Scritto il 19 Luglio 2010 05:11 da webmaster

Pubblicata Lettera Aperta del 18 luglio. La Gazzetta dei Carpini invece torna direttamente il 23 luglio.
Ringraziamo tutti per la pazienza!

Ritardi nell’aggiornamento

Scritto il 16 Luglio 2010 09:19 da webmaster

I numeri della settimana di Lettera Aperta e della Gazzetta dei Carpini saranno pubblicati con un po’ di ritardo a causa di problemi tecnici. Ce ne scusiamo con i lettori.

Cristo, Creatore e Salvatore dell’universo

Scritto il 11 Luglio 2010 08:00 da webmaster

Per reagire contro superstizioni, magie, oroscopi, chiromanti e religiosità pagana e deviata, San Paolo inserisce nella lettera ai Colossesi un inno cristiano: va affermata l’assoluta signoria del Figlio di Dio sia nella creazione che nell’opera di salvezza. E’ sempre grande, anche oggi, la tentazione di sottomettersi a “potenze cosmiche” che avrebbero in mano il destino di ognuno cercando di averle dalla nostra parte. Anche il Dio di Gesù Cristo rischia di essere trattato così.
Invece Paolo proclama la preesistenza e la superiorità di Cristo su tutto il creato, inclusa la schiera delle potenze cosmiche che, benché invisibili, non possono competere con Cristo ed essere le sue rivali. “In lui furono create tutte le cose nei cieli e sulla terra”. L’inno mette Cristo in relazione con la creazione per annunciare che creazione e salvezza sono frutto di un unico e medesimo amore divino, e che l’opera di salvezza di Gesù, compiutasi nella sua morte-risurrezione, riguarda tutto il creato.
L’inno, inoltre, parla di Cristo nel suo rapporto con l’universo degli uomini. Agli occhi della fede, egli è l’unica risposta possibile alle inquietudini dell’uomo che si sente minacciato dal male e dalla morte e non comprende più il proprio posto nel mondo.
Dietro la molteplice ricchezza del creato, c’è la presenza nascosta della “Parola” da dove tutto proviene e nel quale tutto trova coesione e senso. La comunione del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, sorgente di ogni cosa, crea l’armonia, la relazione, la bellezza, la coesione, dà valore e senso al singolo nella sua relazione al tutto, e lega tutte le realtà in rapporto d’amore fra di loro. Cristo è per il credente il centro di riconciliazione, il principio di attrazione dei valori emersi nella storia e nelle varie culture che trovano in lui la loro finalità. Cristo è la risposta cristiana alla ricerca del principio che governa il mondo, lo mantiene nell’unità, impedendo che ritorni nel caos.
Il Figlio è anche il futuro del mondo, il suo compimento. L’inno non vuole predire il futuro storico dell’universo e dell’umanità, ma affermare che, qualsiasi cosa avvenga, il mondo è posto sotto il disegno amante del Padre che ha già realizzato l’atto del compimento definitivo, risuscitando Gesù.
Non dimentichiamo: il Figlio di Dio si è incarnato in Gesù, il Crocifisso Risorto.
La risurrezione di Gesù è l’atto inaugurale della «nuova creazione».
In quanto Risorto, Gesù è posto nel cuore della creazione e dell’umanità passata, presente e futura. Il Risorto è il centro d’unità verso cui converge la storia.
“Ed egli è il capo del corpo, cioè della Chiesa”. Dopo aver affermato fortemente il primato di Cristo nella creazione, l’inno afferma con altrettanta forza la sua priorità nell’opera di salvezza. Il Figlio è Capo della Chiesa, che è il suo Corpo. Ecco cosa significa appartenere alla comunità cristiana: essere la presenza di Cristo risorto nel mondo. La Chiesa, e in essa ogni battezzato/a, riconosce Cristo come unico Signore e Salvatore e viene chiamata alla sua stessa Missione come ci ricorda il Vangelo di oggi: prendersi cura di ogni uomo per rivelare l’Amore del Padre.

Don Danilo

Auguri al Card. Marco Ce’

Scritto il 8 Luglio 2010 11:16 da Redazione Carpinetum

Porgiamo gli auguri piu’ cari al Card. Marco Ce’ per il suo 85° compleanno!

A me non capiti di vantarmi se non nella croce del Signore Gesù

Scritto il 4 Luglio 2010 08:00 da Don Danilo Barlese

Per San Paolo l’unico vanto possibile è la Croce. Ogni altro vanto è vanagloria. La Croce è la gloria stessa di Dio, vertice del suo Amore. Amore totale che sconfiggerà la morte e si manifesterà nella Risurrezione.
La croce “gloriosa” è il «criterio» della vita cristiana, pace per chi l’accoglie, e misericordia per gli altri. Paolo vive nella sua carne questo “criterio”, come testimoniano i segni delle sue sofferenze apostoliche. Gesù, il Crocifisso Risorto, e la sua Grazia costruiscono l’uomo nuovo, la vita cristiana.
La conclusione della lettera ai Galati torna a ricordare che ci sono “coloro che vogliono far bella figura nella carne”. Paolo definisce così gli avversari del Vangelo: gente in cerca del proprio io, che vuol far bella figura. L’umiltà è il versante soggettivo della verità. Chi non è umile, piega la verità e la usa a proprio vantaggio.
Chi cerca “discepoli di se stesso”, tradisce sempre la verità. Anche se dice il vero, compie la massima falsità: si erge a maestro, ponendo al centro il proprio io invece di Dio.
Vanagloria, coercizione, paura, incoerenza e ricerca di successo: questi sentimenti sono la radice di ogni divisione e settarismo, e, ancor peggio, portano a tradire la verità dell’evangelo e a svendere la libertà dei figli.
Ci possono essere comunità piccole e non settarie – come Paolo voleva dai suoi cristiani – e comunità grandi e pur settarie, se sono centrate su di sé. Non è il numero, ma la mentalità che distingue tra comunità ecclesiale e setta.
L’essere in Cristo ci fa uomini nuovi, figli di Dio, che vivono del suo Spirito. È il compimento della profezia di Isaia: «Non ricordate più le cose passate, non pensate più alle cose antiche! Ecco, faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete?».
Questa “cosa nuova” è il “cuore nuovo”, capace di amare come è amato (come io ho amato voi) e di compiere il comandamento, insieme nuovo e antico: amerai il Signore Dio tuo con tutte le tue forze e il prossimo come te stesso.
La croce gloriosa è “criterio di verità”: rivela chi è Dio e chi siamo noi. In essa si compie la legge: è portato tutto il peso della debolezza del mondo. La norma della croce è la libertà di amare e servire senza condizione, vero volto di Dio e dell’uomo.
L’agire e il pensare cristiano si misura sempre sulle coordinate della croce, in un costante “incontro-scontro”. La croce, congiunzione perfetta tra cielo e terra, tra oriente e occidente, unisce tutti gli uomini, sollevandoli in un unico abbraccio verso Dio.
Il «criterio» della croce distrugge in sé ogni inimicizia e riconcilia gli uomini tra di loro e con Dio in un solo corpo, in un solo uomo nuovo.
San Paolo infine è dispiaciuto non del proprio male, bensì del male che si fa chi gli fa del male. Anche per questo Paolo porta nel suo corpo le stesse ferite (stigmate) del Crocifisso che annuncia. Le sue ferite nella carne testimoniano la sua appartenenza a Cristo.

Don Danilo