Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Comunità orizzontale o verticale?

Scritto il 12 Maggio 2013 08:00 da Don Gianni Antoniazzi

Il cuore della fede cristiana è la solennità Pasquale, che fa un tutt’uno con la Pentecoste di domenica prossima.

A Pasqua abbiamo celebrato un fatto verticale: il Padre ha risuscitato il Figlio per salvare l’uomo dalla morte.

A Pentecoste si celebra invece un evento orizzontale: ogni uomo è raggiunto dallo Spirito Santo e riceve dei carismi personali per il bene e la salvezza dei fratelli.

A Pasqua i Vangeli hanno raccontato una Chiesa più piramidale: Giovanni, l’apostolo dell’amore e del carisma, pur più veloce di Pietro nel giungere al Sepolcro e alla fede, aspetta il capo degli apostoli e lascia che lui entri per primo nella tomba vuota.

La Chiesa dello Spirito è più democratica: Paolo dice che siamo membra dell’unico corpo, ciascuno con compiti personali.

Le due cose non sono in contrasto. Al rovescio: bisogna capire che anche il ministero del pastore e del discernimento è un dono per il bene del corpo. E più cresce la forza e la consapevolezza del corpo, più è necessario anche un servizio “di guida” e viceversa.

La Chiesa Pasquale e quella di Pentecoste sono due poli della stessa calamita. Bisogna però imparare a celebrare almeno con la stessa solennità i due misteri della nostra salvezza, altrimenti resteremo sempre zoppi da un piede. Per questo vi invito, domenica, a non mancare per alcun motivo alla celebrazione.

In modo particolare sottolineo la solenne Veglia di Pentecoste, che in parrocchia celebriamo sabato sera alle 20.45.

il parroco

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web