Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Quando le vacanze s-finiscono

Inserito il 16 Giugno 2013 alle ore 08:00 da Don Gianni Antoniazzi

Sempre più le vacanze corrispondono alle necessità dell’azienda più che alle esigenze personali. Tuttavia, complice il calendario scolastico, il tempo dell’estate rimane per eccellenza di ferie e riposo.

La vacanza, abitudine ignota ai contadini di un tempo, sembra un imperativo della società contemporanea.

C’è un’industria importante legata al turismo e alcuni fanno anche debiti per le ferie. Di per sé “vacanza” viene dal latino vacans, cioè: essere sgombro, libero, senza occupazioni, ma per molti è un’esperienza angosciante verso posti esotici o località che conservano comunque gli stessi difetti della città.

In questo modo superficialità, inquietudini, fatiche e tormenti non trovano risposte,  con l’esito di tornare alla propria abitazione più stanchi di prima.

La vacanza diventa sensata quando invece si riscopre la propria umanità, si evita la superficialità e si dona tempo allo spirito.

Enzo Bianchi scriveva: «non si tratta di consacrare la vacanza a straordinarie imprese di solidarietà e altruismo, ma di apprendere l’arte di una solidarietà quotidiana, attenta al “prossimo” che ci sta accanto».

La vacanza è l’arte di creare spazi vuoti dentro sé ove i fratelli possano trovare dimora ed abitare. È la capacità di nutrire lo spirito di bellezza perché il dono agli altri sia più ricco e maturo.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web