Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Pur con tanti mezzi parliamo da cani

Inserito il 11 Agosto 2013 alle ore 08:00 da Don Gianni Antoniazzi

Sempre più spesso arrivano mail, sms, comunicazioni e informazioni con contenuti rabbiosi. Urge un lavoro sulla comunicazione. Il Vangelo è l’esempio.

In questo periodo tutti chiedono sincerità e spontaneità. Ma comunicare è un’arte lunga decenni e la verità è frutto di ricerca appassionata. Anzitutto è necessario far chiarezza sulle emozioni, i sentimenti e i pensieri che custodiamo nell’intimo. Abbiamo bisogno talvolta di settimane, se non mesi o anni prima di capire quali siano le nostre opinioni più profonde. Per comunicare serve dunque pazienza ed esercizio, preparazione e competenza. È poi necessario prevedere le conseguenze del nostro linguaggio, perché quidquid recipitur ad modum recipientis recipitur (ciò che si recepisce lo si riceve secondo le capacità e le precomprensioni del ricevente): c’è dunque tutto lo spazio per la prudenza saggia ed equilibrata dell’uomo maturo, capace di calcolare l’esito del proprio intervento. Fino a qualche tempo fa si scriveva a carta e penna, prima in brutta e poi in bella grafia. Era poi necessario prendere un francobollo e imbucare una lettera. Un tempo piuttosto lungo e nel quale c’era la possibilità di farsi chiarezza sulle emozioni e correggersi un poco. Chi leggeva aveva un’immagine chiara della persona. Oggi il messaggio è immediato: non specchia la mente, ma riflette lo sfogo dell’istinto, talora rabbioso. Non edifica chi lo riceve e non testimonia la maturità di chi lo compone. Non è un linguaggio spontaneo ma istintivo, se non addirittura animalesco. I nuovi mezzi poi hanno un aspetto tremendo: ciò che è detto resta per sempre. E anche dopo decenni dimostrano il poco cervello dell’autore. Per questo la nostra società genera solitudini: il linguaggio è un urlo, nato senza i tempi della riflessione. Poco per volta ci si rende conto che un buon silenzio non fu mai scritto, e per questa ragione, nei 14 anni di seminario, prima di tutto si insegna al futuro sacerdote l’arte del silenzio, così rara nella polis attuale.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web