Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Santi perché uomini

Inserito il 4 Maggio 2014 alle ore 08:06 da Don Gianni Antoniazzi

Qualche volta confondiamo la santità con la perfezione di vita. Niente di più sbagliato. è santo chi si lascia condurre dalla misericordia di Dio e supera le fragilità.

Qualcuno ha protestato perché la scorsa settimana “lettera aperta” non ha speso una parola sulla canonizzazione dei due papi, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. In effetti è vero: non abbiamo scritto e spieghiamo perché.

“Lettera aperta” rivolge l’attenzione prevalentemente alla comunità e al territorio: poco più in là. I giornali diocesani e nazionali hanno sviluppato molto l’argomento e non era necessario trattarlo ancora.

Di fronte ad un evento tanto vasto, come la santificazione di due papi  è faticoso scrivere cose nuove e originali: semmai c’è il desiderio di una riflessione più intima e personale.

Forse è vero che anche la diocesi di Venezia non ha partecipato con fervore straordinario: una ventina di persone o poco più è andata in delegazione a Roma, benché Giovanni XXIII abbia qui una storia significativa.

Quanto poi alla canonizzazione, tanti confondono la santità con la perfezione. Mentre invece essa consiste nel lasciarsi abbracciare dalla misericordia di Dio. Si è santi perché disponibili all’azione dello Spirito, non perché capaci di compiere un progetto umano di successo. Sono santi questi due papi perché profondamente profetici: hanno parlato in nome di Dio, hanno indicato il senso della storia presente e lo svolgimento di quella futura. Lasciamoci toccare il cuore dai loro interventi. Già sarebbe molto.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web