Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Serve tanto sale a questa terra

Inserito il 3 Agosto 2014 alle ore 08:03 da Don Gianni Antoniazzi

Il sale purifica, feconda la terra, preserva dalla corruzione, dà sapore, è salario. In mezzo alla gente noi cristiani siamo responsabili di dare vita alla società.

Ormai sono gravi i segni di decadenza. Da una parte la crisi di tante famiglie e dall’altra il barbiere del Senato prende oltre 11.300 euro al mese. In giro per i monti basta dire che siamo veneziani e la gente sorride della nostra situazione. L’Italia è dietro Spagna e Grecia nelle riforme e sembra non giungere a nulla. Come sempre: la lista sarebbe fin troppo lunga.

Eppure i nostri giovani sono “pasta buona” e nei campi di Gosaldo l’abbiamo visto bene. Avrebbero diritto a trovare qualche opportunità per il futuro.

Perché qualcosa cambi noi cristiani dobbiamo tornare ad essere “sale della terra”.

Nessuna protesta o condanna: il sale è legato al terreno. Piuttosto è necessaria l’umile capacità di riconoscerci peccatori noi per primi, in continua conversione: gli altri cambieranno con noi.

Nessuna presunzione di superiorità: il sale sta dentro la realtà. Semmai dobbiamo condividere i pesi di questo momento tanto difficile. Capaci di dialogo: non di una dialettica raffinata ma di comprendere le parole dell’altro anche oltre le sue capacità di espressione. Unico modo per diventare sale è salire sulla croce, non imporla agli altri.

Senza questo passo umile e fecondo perderemo il sapore e saranno per noi le parole del Vangelo: a nulla serviremo che ad essere calpestati.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web