Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Meditazioni in libertà… dalla liturgia all’attualità

Inserito il 7 Dicembre 2014 alle ore 12:20 da Plinio Borghi

Manifestazioni e avvenimenti importanti richiedono senz’altro uno sforzo organizzativo non indifferente. Chi ha avuto modo di provvedervi in prima persona sa che le cose da curare sono tante: programmazione e aspetti pubblicitari, questioni logistiche, permessi e autorizzazioni, personale da reperire e da adibire alle varie incombenze, a seconda delle capacità di ciascuno, l’ordine pubblico, ecc. Curioso, di tutto questo vespaio, è che se le cose vanno lisce e l’oliatura del meccanismo è perfetta, praticamente nessuno se ne accorge e la soddisfazione, che c’è, te la devi dare da solo. Se però succede qualche intoppo, grande o piccolo che sia, fosse anche un microfono che smette di funzionare, tutti se ne accorgono e.. apriti cielo! Considerando questi aspetti mi riesce più facile capire la liturgia odierna, che si presenta sostanzialmente con un motivo conduttore: preparare le vie del Signore, raddrizzando sentieri, spianando la steppa, abbassando monti e colli e riempiendo valli, in sostanza togliere gli intoppi. Conosciamo da sempre il significato di queste allegorie, che risalgono già dal profeta Isaia (I lettura), sono riprese dall’incipit del vangelo di Marco, proposto oggi, e proseguono nella seconda lettera di San Pietro apostolo (II lettura), pur con risvolti e sfumature diverse. Però la solita domanda sorge spontanea: perché c’è bisogno di tutto questo per favorire la venuta del Signore? Non mi pare che sia Lui ad averne bisogno. La domanda è quindi retorica: siamo noi ad avere questa esigenza. Ed è Giovanni Battista, l’organizzatore dell’evento per eccellenza, a spiegarcelo: dove non c’è conversione (e la parola significa ribaltamento completo di impostazione, di mentalità, di ordine delle cose valide cui attendere, ecc.) non c’è percezione e il tutto passerà sopra la nostra testa. Quante volte cose grosse sono successe a due passi da noi e, a causa di ostacoli vari, non ce ne siamo nemmeno accorti, se non magari leggendole sulla stampa del giorno dopo? Ecco, in questo caso è bene seguire le indicazioni del Battista, accompagnate dal suo esempio, e correre al battesimo dell’acqua, se vorremo poi avere pure quello dello Spirito Santo, che ci viene dall’annuncio della buona novella. Anche perché questo non lo potremo pescare sul giornale del giorno dopo.

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web