Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Via quello che non serve

Inserito il 20 Febbraio 2015 alle ore 16:41 da Don Gianni Antoniazzi

Quel che non serve fa perdere tempo, energie e parte della vita. La Quaresima invita all’essen-ziale: se basta il poco, non affoghiamo nel troppo. Più che nuove cose, servono nuovi occhi.

Di fronte alle parole “privazione” e “rinuncia” avvertiamo un sentimento di rivolta. Perché astenersi? Forse ne capiamo il senso quando serve ad aiutare qualcuno, diversamente sembra un gesto senza ragione.

Non è possibile però fare esperienza di tutto. Chi è maturo mette dei limiti a se stesso, se no disperde energia e tempo.

Ebrei e Cristiani hanno sempre inteso il valore del digiuno. Ancor oggi le chiese ortodosse conservano una rigorosa legislazione a riguardo, perché occorre mangiare, ma ancor più saper smettere, occorre memoria, ma anche dimenticare i fatti tristi.

Servono spazi e oggetti, ma avarizia e cupidigia ci rendono schiavi. Per il dominio di sé, per essere snelli nelle decisioni e nel tempo, per la disciplina delle proprie pulsioni e dei propri bisogni, per una più grande libertà, è necessario andare all’essenziale e lasciar cadere il superfluo.

Non basta. Antico e Nuovo Testamento ci parlano anche di un’altra forma di astinenza temporanea: quella sessuale. È una proposta che non umilia, ma esalta l’essere umano.

Qualche volta serve prendere le distanze da un’azione che potrebbe diventare banale, meccanica, scontata, affinché corrisponda a un desiderio più ordinato e raffinato; in questo caso la rinuncia è l’attesa, perché l’incontro avvenga come un’opera d’arte (da Enzo Bianchi).

È un’astinenza “sinfonica”, di comune accordo, solo per qualche tempo, per capire che “l’amore di Dio vale più della vita”.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web