Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Finalmente almeno uno

Inserito il 15 Aprile 2015 alle ore 16:50 da Don Gianni Antoniazzi

È ufficiale, a Dio piacendo: domenica 3 maggio alle ore 16.00, Gianpiero Giromella presenterà la sua candidatura al sacerdozio in San Marco. È un giovane della nostra parrocchia. Da quanti anni nessuno?

Gianpiero è nato nel ‘92, da una famiglia di via Goldoni.
Dopo le elementari e le medie ha studiato alberghiera e, conseguita la maturità, a settembre 2011 è entrato nella comunità vocazionale del Seminario di Venezia.

Ero appena giunto a Carpenedo e lui, timidamente, è venuto in sacrestia a presentarsi come nuovo seminarista. Ha fatto con noi qualche campo invernale e due estivi. Ha poi prestato servizio a Venezia in quella che fu la mia prima parrocchia di S. Antonio del Lido. Ora, dopo 4 anni di seminario, è giunta la  tappa della candidatura al sacerdozio.

Di fatto continuerà gli studi di teologia come è stato fin qui, ma il suo cammino non sarà più di verifica vocazionale: è una preparazione al sacerdozio e per questo già fin d’ora vestirà da prete.

Resta sempre libero nella sua scelta e solo fra tre anni, se Dio vuole, sarà diacono. In quel momento e non prima compirà un passo decisivo con delle promesse irrevocabili.

La nostra comunità parrocchiale lo accompagna con l’affetto e con quella stima che è dovuta a chi si compromette in un progetto esigente. Di più: con la preghiera gli è vicina come ad un figlio carissimo e lo sostiene nel cammino.

Da decenni non avevamo un seminarista vero e proprio. L’ultimo “nostro” sacerdote diocesano è stato don Luigi Battaggia, ora parroco ai Santi Apostoli di Venezia, ordinato 53 anni fa.

Dopo di lui vi fu solo il carissimo don Vincenzo Pavan (nato nel 44 e ordinato nel ’70) missionario del Pime in Brasile. Sono certo che il Signore chiama molti.

Visto che la strada è aperta spero che qualcun altro accolga l’invito di Dio e si faccia avanti in questo cammino arduo ma pieno di vita.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web