Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Fermarsi ogni tanto

Scritto il 19 Giugno 2016 11:53 da Plinio Borghi

Fermarsi ogni tanto per far mente locale e coordinare un po’ le idee non è affatto una perdita di tempo. Lo si fa abitualmente nella gestione delle aziende, per fare il punto sull’andamento e correggere impostazioni e obiettivi al fine di migliorare, laddove è possibile, l’efficienza e la produttività, nell’interesse di tutti. È una cosa necessaria, altrimenti si rischia di perpetuare situazioni anomale se non addirittura di andare alla deriva. Perché non farlo, a maggior ragione e per gli stessi motivi, anche con noi stessi? Molti lo praticano nel campo della salute, attraverso i check up; la stessa procedura deve valere per la mente e lo spirito, per le idee e gli obiettivi di vita, per i comportamenti e i valori, per gli affetti e i rapporti con gli altri in genere, per i principi e la fede stessa. Qualcuno trova utile affidarsi agli esercizi spirituali, altri ad un cadenzato ricorso alla Confessione: i sistemi sono tanti, quel che conta è che siano condotti con serietà e sincerità. Anche Gesù ci viene presentato oggi in uno di questi momenti di “verifica”, mentre era appartato con i suoi discepoli a pregare (anche la preghiera richiede sempre un attimo di meditazione  e di riflessione). Era già trascorso un buon periodo della sua predicazione e si apprestava a vivere il momento della trasfigurazione sul Tabor, prima di avviare la fase più cruciale con il suo ingresso in Gerusalemme. Miracoli e discorsi impegnativi s’erano abbondantemente accavallati, per cui, quasi con nonchalance, chiede agli astanti: “Chi sono io secondo la gente?”. Normale, com’è normale che gli estranei possano averlo valutato in vari modi. Erode stesso, poco prima, si rodeva all’idea di chi fosse; temeva un Giovanni redivivo. Sennonché qui parte la botta giusta: “Ma voi, chi dite che io sia?”. Ecco la provocazione, l’invito a fermarsi, perché ancora oggi questo quesito ci interpella di brutto. Pietro, come al solito, risponde di getto e il Maestro, con pazienza, gli preannuncia allora tutto quello che “il Cristo di Dio”, come l’apostolo l’ha definito, dovrà subire, proprio perché tale. In sostanza, però, fa capire che è una prospettiva anche per chi lo sta seguendo e sarà questo che riscatterà la loro vita effettiva. La conclusione vale anche per noi: “Se qualcuno vuol venire dietro a me, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà”. Ce n’è da riflettere, per dare la giusta graduatoria alle nostre priorità.

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web