Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Cosa dà scandalo?

Inserito il 21 Giugno 2017 alle ore 19:09 da Don Gianni Antoniazzi

È impossibile che non avvengano scandali ma guai a chi li compie: meglio per lui una pietra al collo (Lc 17,1-2). La Chiesa resta sempre fragile altrimenti non sarebbe servita la Croce. Riconosciamo però dov’è lo sbaglio

A Staranzano del Friuli un capo scout s’è sposato civilmente con un assessore di maggioranza: maschi entrambi. Il cappellano, da 40 anni in parrocchia e molto più vecchio del parroco, ha organizzato una cerimonia stravagante, ostentata sui social in segno di protesta alla Chiesa. Pazienza: fatti isolati, che oltretutto mostrano mancanza di unità e di buon gusto dentro certe comunità cristiane.

C’è di più: vicino a Napoli, Nello Ruggiero, parrucchiere di Sant’Antonio Abate ha pensato di sposarsi con se stesso, con pubblicità su una radio locale (Radio Cusano Campus). Si tratta ancora di un fatto bizzarro e del tutto singolare. Non tocca il Vangelo che da anni viene riproposto con coraggio, anche per l’alta proposta sull’amore di coppia.

Altra cosa, invece, è il matrimonio di sabato scorso. In una chiesa di Venezia si sono celebrate delle nozze che forse poco avevano a che fare con la fede e la comunità di Cristo. Alice Campello (modella blogger) e Alvaro Morata (calciatore del Real) hanno organizzato una celebrazione avvolta dalla vita mondana, ripresa sui social, una commedia o forse un teatrino con grande sperpero di denaro. Fatti simili continuiamo a compierne molti. Questi eventi generano confusione (scandalo) in chi con fragilità cerca il Vangelo. Pare infatti che la Chiesa insegua la mentalità del mondo. Dopo questi eventi non è facile, in parrocchia, proporre alla gente il matrimonio come Gesù l’ha pensato, specchio del suo amore completo per ciascuno di noi.

A Roma si è avuto il coraggio di reagire di fronte a certi eventi organizzati dalla mafia. Qui la mafia non centra di sicuro ma c’è il dio mammona che rischia di rovinare anche gli affetti più sacri.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web