Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Attenzione a non distrarci

Scritto il 13 Dicembre 2017 03:14 da Don Gianni Antoniazzi

Il Natale si avvicina a passi veloci e la celebrazione rinnova per noi la grazia dell’incontro con il Salvatore. Si badi bene: ogni appuntamento merita attenzione, ma non si può dimenticare che il centro è Gesù Cristo.

Durante un pranzo don Mario ci ha raccontato un episodio simpatico sui preti. Per la processione del Corpus Domini il parroco aveva mosso il paese: c’era la banda, le donne con drappi eleganti, i bambini con i cesti di fiori, le maestranze più rinomate e i chierichetti al gran completo; non mancava nessuno. Il sacrestano e gli aiutanti avevano preparato il baldacchino con i candelieri, l’ostensorio dorato, le torce e il turibolo con l’incenso. La corale aveva intonato i canti tradizionali e la processione si era incamminata per uscire di chiesa. In quel momento un chierichetto cominciò a tirare la tonaca del prete e quello borbottò: «Cosa vuoi adesso?». «Monsignore – disse il ragazzo – nell’ostensorio manca l’Ostia». Al chè il parroco, infastidito e contrariato, rispose: «Cosa pretendi? Sono solo, non posso mica pensare a tutto».

Il racconto vale per la nostra preparazione al Natale. Nei prossimi giorni avremo parecchi impegni perché la festa del Signore sia completa: cene e pranzi con i parenti, regali e addobbi, manifestazioni e recite. Non accada di dimenticare il “festeggiato”. Il modo migliore per scongiurare il pericolo è dedicare ogni giorno qualche istante alla preghiera, celebrare la Messa e fare comunione con Dio. Mi permetto di suggerire la lettura del vangelo di Marco e di invitare tutti, la notte del 24 dicembre a mezzanotte o il giorno del 25, alla celebrazione della Santa Messa.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web