Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Dentro la quotidianità

Inserito il 10 Gennaio 2018 alle ore 18:14 da Don Gianni Antoniazzi

Con il Battesimo di Gesù domenica scorsa si è concluso il ciclo di Natale. È iniziato il tempo ordinario della fede che ci porterà fino alla solenne celebrazione delle Ceneri, il 14 febbraio.

Dopo Natale siamo entrati nel tempo ordinario della fede.

L’aggettivo “ordinario” rischia di indicare uno spazio mediocre, quasi di routine faticosa, priva di passione. Una sorta di passaggio obbligato da affrontare con remissività. La persona matura, però, vive di fatti ripetitivi e “ordinari”: ogni giorno mangia, lavora, si lava e riposa. Questa regolarità non è soffocante, ma realizza la crescita compiuta. Di più. Il termine “ordinario”, così come la parola “standard”, da una parte fa riferimento ai fatti normali (per esempio ci può essere una “prestazione ordinaria” che indica il livello medio per un’attività), dall’altra parte lo stesso vocabolo può fare riferimento anche a valori ottimali. C’è per esempio il “modello ordinario” che vale come “esemplare standard”, di perfezione irremovibile, al quale tutti dovranno puntare.

Così, il tempo che ci sta davanti prima della Quaresima può essere addirittura eccellente: quello nel quale porre le basi solide per il futuro. Con questo spirito appassionato, la parrocchia rilancia tutte le sue attività e propone anche alle famiglie di partecipare con entusiasmo alla vita della fede nella quotidianità.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web