Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Globalizzazione o protezionismo

Inserito il 4 Febbraio 2018 alle ore 10:08 da Plinio Borghi

Globalizzazione o protezionismo: sembra il dilemma che andava per la maggiore in quel di Davos durante il summit mondiale dei giorni scorsi e che trovava sui due fronti l’Europa e l’America di Trump, anche se questi si è poi premurato di precisare che “prima l’America” non significa escludere il concorso degli altri. C’è da credergli se nel suo programma elettorale già parlava di un mondo post globale e ora ha appena approvato dazi superlativi per le merci che provengono dall’estero? C’è da credergli se il dollaro sta correndo al ribasso proprio per favorire l’esportazione dei prodotti americani? E in Italia c’è qualcuno che tende a sposare pedissequamente quelle tesi, invece di pensare a difendere il prodotto italiano dalle mistificazioni che da più parti si stanno perpetrando! L’altr’anno (2016), durante un’escursione nella Cina delle minoranze, ebbi a osservare alla guida quanto poco si notasse di tradizionale negli usi e costumi locali, specie nei giovani che vestivano sostanzialmente all’occidentale. “Globalizzazione, globalizzazione!”, mi rispose nel suo italiano stentato. Chiaro che là pesa la lontananza fisica dal Governo centrale e di conseguenza l’interesse, se mai c’era stato, scemava. Qui no. Una ferma protezione (che non ha nulla a che vedere col protezionismo), che passa attraverso l’impegno culturale e politico, va messa in atto, pur nel contesto di una globalizzazione che è anacronistico negare. Lo stesso Gesù, che al momento della guarigione della figlia della cananea (Mt 15,21-28) sembrò un tantino “protezionista” (“non è bene prendere il pane dei figli per buttarlo ai cagnolini”), di fatto adottò solo un atteggiamento provocatorio, visto che la sua è stata una missione di salvezza “globale” e tale la pretese poi dai suoi discepoli e come oggi da noi. Nel vangelo in lettura questa domenica, dove lo si vede dedito alla predicazione e alle guarigioni, viene disturbato mentre è raccolto in preghiera perché chi ha saputo delle sue performance lo stava cercando. Egli però risponde: “Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!”. Ecco l’indirizzo del cristiano: rivolgersi al mondo; che non significa essere del mondo o compromettersi col mondo svendendo il suo “Patrimonio”, bensì farlo conoscere e condividerlo, affinché non resti prerogativa di pochi intimi. Così dovrebbe fare anche la politica, soprattutto con le risorse culturali ed economiche.

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web