Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

La gioia del mangiare assieme

Scritto il 18 Aprile 2018 06:26 da Don Gianni Antoniazzi

Il 25 aprile la nostra parrocchia festeggia le prime comunioni di 50 bambini delle elementari
Alla Messa seguiranno i pranzi: anche Gesù amava la convivialità come momento d’incontro.

Gesù amava i banchetti. Il 70% dei Vangeli parla di feste, cene e pranzi. Ci sono le nozze di Cana e la moltiplicazione dei pani e dei pesci per 5.000 persone, “contando solo gli uomini”. C’è la parabola del banchetto messianico e quella dei talenti, con le parole: “Servo buono e fedele, prendi parte alla gioia del tuo padrone”. C’è il padre misericordioso che festeggia col vitello grasso il ritorno del figlio e ci sono momenti conviviali in casa di peccatori: con Zaccheo e i suoi amici o con Levi, chiamato dal banco delle imposte.

Il banchetto più celebre è quello dell’ultima cena, al quale soprattutto l’evangelista Giovanni dedica un ampio spazio. Noi cristiani lo celebriamo ogni domenica, nel memoriale dell’Eucaristia. I bambini vengono introdotti a questo appuntamento poco per volta, guidati dai genitori e sostenuti dai catechisti. La parrocchia si sforza di accoglierli, ma la loro vera partecipazione dipende da tutti noi, adulti nella fede.

La prima Comunione, che celebriamo nella festa di San Marco alle 10, ci esorta a crescere nella cura della nostra celebrazione: dopo tanti secoli di cristianesimo, infatti, è ragionevole che si sia persa la freschezza iniziale. Potremmo essere forse più puntuali, ordinati, capaci di compiere un servizio responsabile, pronti al canto. I bambini imparerebbero molto. Stiamo però attenti a ricordare che non serve la perfezione: il Signore ha banchettato con peccatori e anche oggi ci accoglie sempre, così come siamo. Se la Messa fosse solo per persone meritorie, la chiesa sarebbe sempre vuota.

Don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web