Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Ha un senso tanto lavoro?

Inserito il 4 Luglio 2018 alle ore 20:15 da Don Gianni Antoniazzi

In parrocchia si lavora per offrire l’incontro personale con Gesù. Apparentemente il Grest non ha dato molti frutti in questo senso, ha rafforzato però il legame di fiducia con le famiglie. Non è poco

Da ragazzo domandavo ai miei genitori quale fosse il guadagno per le loro fatiche. Vedevo la mamma affaticarsi nell’orto, nei campi e nel giardino. Il papà invece, pur sfinito per la giornata negli allevamenti, se ne andava in stalla a sistemare le mucche. Se chiedevo quale fosse la loro ricompensa, rispondevano che quando si lavora per i soldi nessuna opera è ben pagata; se invece si vive per passione prima o poi arriva un guadagno imprevisto.

Torniamo a noi. La parrocchia lavora per aiutare la gente ad incontrarsi con Gesù. Penso al Grest e al lavoro in montagna. A che pro? Se guardassimo al risultato immediato ne saremmo sconfortati. È importante allora mantenere visione più ampia, paziente e matura. Si capisce che, per esempio, si è stabilita una fiducia reciproca, necessaria all’annuncio del Vangelo. Il Grest, i campi e ogni altra attività, se vissuti non per dovere ma con passione, creano fraternità e legami intensi, nei quali soltanto si innesta l’annuncio della fede in modo stabile.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web