Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Saper dare una sterzata

Scritto il 29 Dicembre 2019 09:50 da Plinio Borghi

Saper dare una sterzata in parecchie occasioni è fondamentale; per chi poi guida può diventare addirittura vitale. In questo periodo pre e post natalizio emerge una figura che di sterzate ha dovuto imprimerne molte: è quella a noi cara di Giuseppe, che questa domenica festeggiamo con tutta la Santa Famiglia. A partire da quando meditava di ripudiare Maria, che non era incinta di lui: invece ha accolto l’invito dell’angelo e subito l’ha presa comunque come sua sposa. Fino alla partenza dei Magi per la via del ritorno, il percorso è stato irto di ostacoli e abbiamo visto come si è adoperato per agevolare la nascita del divino Bambino. Tuttavia la tranquillità era destinata ad avere vita corta in quel nucleo speciale. Ora c’era Erode agitato e il nostro deve sterzare ancora e fuggire in Egitto, altro sito non molto ospitale, dove sarà costretto a organizzarsi per una sosta prolungata, in attesa del “contrordine”. Che finalmente arriva (altro cambiamento radicale): la strada del rientro ha il sapore del rimpatrio e lascia spazio a sogni di stabilità nella natia Giudea. Macché: lì un tale Archelao, figlio di Erode, sta ancora facendo “ucci ucci” e non è aria. Altra sterzata, immediato dirottamento verso la Galilea in quel di Nazaret. Non passerà molto che, di ritorno da Gerusalemme, Maria e Giuseppe dovranno effettuare un nuovo dietrofront improvviso perché Gesù s’era “perso” nel tempio a ragionare con i dottori. Gli evangelisti non ne raccontano altre, ma c’è da credere che la vita di siffatto Personaggio in casa abbia richiesto ancora qualche decisione repentina. E qui conta la parola chiave che fa scattare la molla di Giuseppe, la stessa che ha fatto scattare anche quella di Maria: “Eccomi”. Una parola che esclude qualsiasi indugio nel compiere la volontà del Padre e che l’ha resa in un attimo Colei che celebriamo il primo giorno dell’anno: Madre di Dio. Certe scelte, certe sterzate richiedono immediatezza e, specie quando riguardano la risposta al disegno divino, non possono essere tacciate di avventatezza, anzi, diventano fondamentali, come si diceva all’inizio, e per certi versi proprio vitali, perché danno alla vita stessa un senso. Il “senso”, diceva il nostro ex patriarca Scola nella prefazione della sua biografia, ha una doppia valenza: significato e direzione. Allora “Eccomi!” è una parola che dovrebbe entrare a far parte anche del nostro bagaglio di fede e non ci resta che prendere spunto da Giuseppe ed affidarci a Maria affinché ci insegni bene come usarla.

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web