Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Il lupo di Gubbio

Inserito il 7 Ottobre 2020 alle ore 15:51 da Don Gianni Antoniazzi

Papa Francesco ha proposto una nuova enciclica dal titolo “Fratelli tutti”. Vi si legge anche una nuova proposta per guidare la realtà sociale, economica, politica e civile indossando lo sguardo del Vangelo

Alzi la mano chi ha approfondito l’enciclica “Laudato si’”, quella di papa Francesco sul creato. Già le persone “del settore” non si sono peritate più di tanto a leggerla, figuriamoci la gente poco abituata al linguaggio di fede

Così pure il nuovo documento “Fratelli tutti” rischia di rimanere carta morta, se nessuno la affronta. Nasce da una citazione di San Francesco, al quale nessuno era estraneo. Da uomo di pace, pur in un clima di crociate, visitò il Sultano d’Egitto (Malik-al-Kamil). Un’apertura straordinaria, visto l’ambiente culturale e i mezzi di trasporto a disposizione.

Qui però va ricordata un’altra esperienza condotta dal Santo d’Assisi a pochi passi da casa. Il Frate fu chiamato dalla gente di Gubbio a risolvere il problema delle razzie di un lupo feroce. Francesco, al posto di andare contro l’animale, scelse di parlargli con dolcezza. Lo chiamò “fratello lupo” e gli disse anche: “Io so perché fai questo, perché c’avevi fame”. Con carità creativa, e qui sta il colpo di genio, Francesco aiuta Gubbio ad “adottare” il lupo, così che l’animale, al posto di compiere grandi razzie, finisca i suoi giorni sfamato dalla città.

Questa è la vittoria sulla paura, questa è la pace possibile. È la capacità di andare oltre il linguaggio dei valori. È la voglia di scovare soluzioni sostenibili. Grande Francesco. L’enciclica respira questo stile: merita di essere conosciuta.

don Gianni

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web