Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

L’ipoteca come forma di garanzia

Inserito il 15 Agosto 2021 alle ore 10:01 da Plinio Borghi

L’ipoteca come forma di garanzia è l’istituto giuridico cui si ricorre più comunemente, perché è legata a qualcosa di solido, un bene immobile definito e individuabile. Anche la fideiussione alla fine è accettata più di buon grado se chi la rilascia è coperto da proprietà. Perché tutte queste precauzioni per chiedere un prestito? Perché a forza di tirarci tiri mancini si è fatta strada la diffidenza, diventata connaturata alla nostra condizione umana. Ormai anche dove non si tratti di soldi pretendiamo di essere tutelati da norme in caso d’inganno e qui la stura a leggi e disposizioni è stata conseguente: dalla qualità del prodotto alla data di scadenza di quelli alimentari non c’è regola che non intervenga, senza contare accordi internazionali e controversie su marchi e clonazioni indebite. Simile atteggiamento si è consolidato pure fuori dal settore acquisti, coinvolgendo la scienza, la cultura, l’informazione e tutti i rapporti sociali, all’insegna del “fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio” e ne abbiamo prova anche dalle posizioni differenziate assunte prima nei confronti del Covid-19 e della sua genesi, poi dei provvedimenti adottati in merito, poi addirittura dei vaccini e infine persino sul green pass. Poteva salvarsi l’ambito della fede? Certo che no anzi, se volessimo compiere una retrospettiva, ci accorgeremmo che proprio qui la miscredenza ha lavorato da più tempo e più a fondo. Gesù lo sapeva e ci ha fornito tutti gli strumenti per fugare ogni dubbio, pur non intaccando la nostra discrezionalità e il nostro “ruolo” di credenti. Di più, ci ha fornito garanzie per non accampare scuse e oggi stiamo festeggiando quella che costituisce il sigillo della presenza del Regno già qui, ora, ma che si compirà un giorno lassù: l’assunzione di Maria con il suo corpo in cielo, prospettiva e garanzia della nostra definitiva condizione. Mi è molto cara questa festa, perché esprime il massimo dell’amore figliale del Risorto, unico a essere asceso col suo corpo glorioso; stato che ha voluto condividere con sua Madre. A suggello di tale gesto sublime, Maria sarà coronata Regina degli Angeli e dei Santi, festa che si celebra fra una settimana, e come tale diventa la nostra “avvocata” presso Dio. In sostanza è Lei la nostra “ipoteca” di garanzia.

Lascia una replica

 Nome

 Mail (non viene resa nota)

 Sito web