Il blog di Carpenedo

Il blog di Carpenedo
La vita della Comunità parrocchiale dei Ss. Gervasio e Protasio di Carpenedo

Lettera aperta del 24 gennaio 2021

Inserito il 20 Gennaio 2021 alle ore 19:02 da Redazione Carpinetum

Abbiamo inserito nel sito lettera aperta del 24/1/2021. Aspettiamo i vostri commenti in email o direttamente sul blog.

Lettera aperta e altre informazioni sulla parrocchia possono essere consultate anche tramite il nostro bot Telegram ufficiale:
https://t.me/ParrocchiaDiCarpenedoBot

Ricordiamo che in coda al foglio vengono pubblicate le pagine dedicate alla parrocchia della Santissima Trinità di via Terraglio 74/C (Mestre – VE) guidata da mons. Fabio Longoni.

I cristiani cambiano, i laici poco

Inserito il 20 Gennaio 2021 alle ore 18:50 da Don Gianni Antoniazzi

In questa settimana celebriamo la preghiera per l’Unità dei cristiani. Domenica scorsa è stato il giorno del dialogo con gli Ebrei. In pochi decenni i credenti hanno compiuto molti passi. I “laici” forse meno

Dal 18 al 25 gennaio si celebra la settimana di preghiera per l’Unità dei cristiani. La storia passata ci ha consegnato diverse “confessioni” di fede, nate anche per pretesti economici e politici. Negli ultimi decenni, però, fra discepoli di Gesù non ci sono stati scontri, anzi, dal Concilio Vaticano II in poi è maturata una convergenza sempre maggiore fra cattolici, ortodossi, evangelici, luterani, anglicani e altri credenti in Cristo.

C’è poi una seconda considerazione: domenica scorsa, 17 gennaio, si è celebrato il dialogo con gli ebrei. Anche con costoro c’è stato un forte avvicinamento. Fino al Concilio la Chiesa nutriva per loro un atteggiamento ostile. Nell’ultimo periodo ci sono stati segni di fraternità concreti e profondi. Si nota un cammino costante di avvicinamento nella pace, pur rimanendo ciascuno fedele a sé stesso.

Chi è nato in questo periodo non afferra del tutto i passi compiuti e non si rende conto dell’antica rivalità fra credenti. Certo: per essere fedeli al Vangelo, resta da compiere ancora una lunga strada, ma in tante occasioni i discepoli del Cristo hanno mostrato la grazia di un profondo rinnovamento.

Forse, invece, chi è poco o per nulla legato al Vangelo rimane ancorato a posizioni ideologiche e divisive: se gli è stata insegnata l’ostilità verso alcuni principi non sempre riesce a mettersi in discussione e talora si mostra aggressivo.

don Gianni

“Ut omnes unum sint”

Inserito il 17 Gennaio 2021 alle ore 10:00 da Plinio Borghi

“Ut omnes unum sint” (affinché siano una cosa sola). È una frase tratta dalla preghiera rivolta al Padre da Gesù per i suoi discepoli, durante il lungo discorso di commiato pronunciato prima di uscire verso l’orto del Getsemani, dove sarebbe stato arrestato, e riportato da Giovanni al cap. 17. Era preoccupato il Messia per i suoi, che in più circostanze avevano agito in concorrenza fra loro e manifestato debolezze di varia natura; d’altronde li aveva prelevati in modo talmente disomogeneo che non poteva essere altrimenti. Ne abbiamo conferma in queste due domeniche in cui le pericopi di Giovanni e Marco descrivono la fase di “ingaggio”, ma sono convinto che il pensiero del nostro Maestro correva già alle contraddizioni e ai contrasti in cui la sua Chiesa sarebbe incorsa nei secoli a venire e che si sono puntualmente verificati, con tutte le divisioni che ne sono conseguite. L’attualità di questo riferimento torna per due motivi: il primo in quanto entriamo nella settimana dedicata alla preghiera per l’unità dei cristiani; il secondo avendo giusto nel 2020 celebrato il XXV dell’enciclica “Ut unum sint” di Giovanni Paolo II. Perché il processo ecumenico è così difficile e perché tutte queste divisioni, nonostante i ripetuti inviti del Salvatore a volerci bene fra noi come lui ce ne ha voluto, dato che è da questo che saremo riconosciuti suoi? Beh, c’è un dato scontato: è appagante per la nostra povera natura umana sentirsi in possesso della verità e quindi tacciare gli altri di eresia. Se poi il consenso è consistente, va gestito e subentrano altri interessi, la contrapposizione si accentua, i dogmi non condivisi contribuiscono a consolidarla e diventa altrettanto difficile rifluire. Tutte le raccomandazioni di Gesù intanto vanno a farsi friggere ed ognuno è convinto che a non ottemperarvi siano gli altri. E lo Spirito Santo non avrebbe dovuto illuminare le menti affinché tutto ciò fosse evitato? Certo, se tutti lo invocassero con il medesimo intendimento, ma tra le cose che il nostro discernimento partorisce c’è anche il relativismo, uno dei nemici più forti che ostacola la Sua azione e che si annida in ogni “fazione”, inducendo a distorcere la linearità di ogni eventuale soluzione. Perciò, l’impegno di ognuno di noi è quello di pregare per un dialogo produttivo, sollecitando lo Spirito a illuminare le menti di chi ci guida nella fede e a rimuovere i preconcetti, frenando la tendenza ai sofismi e tenuto conto che uniti pure il relativismo s’indebolisce e si vince.

Lettera aperta del 17 gennaio 2021

Inserito il 13 Gennaio 2021 alle ore 21:24 da Redazione Carpinetum

Abbiamo inserito nel sito lettera aperta del 17/1/2021. Aspettiamo i vostri commenti in email o direttamente sul blog.

Lettera aperta e altre informazioni sulla parrocchia possono essere consultate anche tramite il nostro bot Telegram ufficiale:
https://t.me/ParrocchiaDiCarpenedoBot

Ricordiamo che in coda al foglio vengono pubblicate le pagine dedicate alla parrocchia della Santissima Trinità di via Terraglio 74/C (Mestre – VE) guidata da mons. Fabio Longoni.

Il rischio dell’indolenza

Inserito il 13 Gennaio 2021 alle ore 21:19 da Don Gianni Antoniazzi

I profeti d’Israele esortano spesso a vegliare. Sanno che nella natura umana c’è l’istinto di vivere svogliati. Con la pandemia nasce la tendenza a restare alla finestra e osservare lo scorrere dei fatti senza inquietarsi

All’inizio dell’emergenza sanitaria qualcuno pensava che Venezia avrebbe dovuto aspettare la ripresa del turismo fino a marzo 2021. Quelle parole sembravano un’esagerazione. Adesso risultano ottimistiche. L’ipotesi è che ancora a lungo avremo la compagnia del Covid-19. La cura del vaccino sarebbe efficace per otto mesi appena, il Virus potrebbe mutare anche in modo consistente e, comunque, non tutti vorranno o potranno avere di questa difesa. Cosa faremo? Mentre imperversa la pandemia rinunceremo a vivere?

Altra cosa sono la prudenza, rispettare le indicazioni sanitarie e tenere la distanza. Altro è rassegnarsi. Mentre il Virus fa il suo corso è importante ri-organizzare le proprie abitudini, senza mai scendere in una sorta di letargo sociale. Davvero vogliamo stare con le braccia conserte per i prossimi mesi o chissà fin quando? La parrocchia riprende la catechesi e lo fa in sicurezza. Per chi fra noi ha fede e cerca l’incontro con Gesù, Signore, le Messe della domenica sono assicurate: grazie a Dio, fin qui non c’è stato alcun problema d’igiene. Bisogna trovare in fretta strade analoghe anche negli altri ambienti sociali e, per quanto possibile, riattivare la vita, lì dove dipende da noi compiere questo passo.

don Gianni

Bella testimonianza d’umiltà!

Inserito il 10 Gennaio 2021 alle ore 10:01 da Plinio Borghi

Bella testimonianza d’umiltà! “Bravo Maestro!”, verrebbe da dire, se non fosse che Gesù non ha certo bisogno dei nostri complimenti. Con tutta quella smania di auto esaltazione che da sempre imperversa a questo mondo, specie fra titolati, altolocati, preposti, governanti, esperti, capi di qualsiasi entità e così via (l’elenco non ha limiti), dalla quale nemmeno questo periodo ci ha risparmiati, anzi, il più grande in assoluto nasce come l’ultimo dei diseredati. Non solo, ma addirittura si rivela in tutta la sua fragilità e si accoda, Lui senza peccato, con quanti sono in fila per ricevere il battesimo dal suo “battistrada”, Giovanni. Nei tre anni a venire non ci risparmierà molti altri segni analoghi, per finire poi nel modo più vergognoso che mai si sia conosciuto. Il fatto che nella circostanza di oggi, presentato dalla liturgia come il secondo dei miracoli della rivelazione (il primo è stato l’Epifania e il terzo sarà alle nozze di Cana), il gesto si concluda con il massimo dell’esaltazione, con lo Spirito Santo che scende sotto forma di colomba e il Padre che lo indica come Figlio sul quale si è compiaciuto, è ancora più significativo circa gli effetti che la vera umiltà determina. La messa in mora di qualsiasi forma di auto referenza è evidente: ognuno di noi è chiamato a essere quello che è in tutta “normalità”, con lo spirito di servizio che è richiesto a seconda dei talenti ricevuti, senza tirarsi indietro, ma anche evitando di proporsi o, peggio, di imporsi, e lasciando che siano gli altri ad accorgersi del valore che possiamo rappresentare, senza approfittare del ruolo o delle capacità per creare difficoltà. E qui, da ex burocrate, mi si lasci spendere una critica particolare per il grave atteggiamento che certi “burosauri” hanno nei confronti della società da un lato, facendo un uso malsano del potere della burocrazia nel momento in cui tutto intralcia e tutto rallenta, invece di agevolare gli effetti dei provvedimenti, e dall’altro lato degli utenti, ai quali sovente propinano l’immagine di uno stato sovrano. Quindi, se vogliamo, tutti, essere a posto nella massima correttezza dei ruoli, guardiamo pure al nostro “Testimonial” seguendolo d’ora in poi passo passo nel Vangelo, dal quale di volta in volta, in caso di dubbio, potremo trarre input utili per agire di conseguenza e la forza che può derivare solo dall’esercizio della vera umiltà. San Giovanni apostolo ce lo ribadisce oggi, nella seconda lettura: solo accettando come riferimento il Cristo di Dio saremo dei vincenti.

Celebrazioni dell’Epifania

Inserito il 5 Gennaio 2021 alle ore 18:55 da Redazione Carpinetum

Esortiamo i lettori che prendessero visione di queste righe a ricordare la grande festa dell’Epifania del Signore. Le celebrazioni del 6 gennaio hanno il consueto orario festivo.

Lettera aperta del 10 gennaio 2021

Inserito il 5 Gennaio 2021 alle ore 18:46 da Redazione Carpinetum

Abbiamo inserito nel sito lettera aperta del 10/1/2021. Aspettiamo i vostri commenti in email o direttamente sul blog.

Lettera aperta e altre informazioni sulla parrocchia possono essere consultate anche tramite il nostro bot Telegram ufficiale:
https://t.me/ParrocchiaDiCarpenedoBot

Ricordiamo che in coda al foglio vengono pubblicate le pagine dedicate alla parrocchia della Santissima Trinità di via Terraglio 74/C (Mestre – VE) guidata da mons. Fabio Longoni.

Finite le feste, tanta incertezza

Inserito il 5 Gennaio 2021 alle ore 18:29 da Don Gianni Antoniazzi

In questa domenica si conclude il tempo del Natale. In passato era l’occasione per riprendere il cammino ordinario con le scadenze della Quaresima e della Pasqua. Quest’anno c’è molto poco da programmare.

Il 10 gennaio la liturgia celebra il Battesimo del Signore, una festa che, per secoli, ha scandito il passaggio dai giorni natalizi alla vita ordinaria. Si lasciava un periodo di molte ricorrenze, durante il quale non era difficile perdere il ritmo settimanale. Si riprendeva un cammino stabile, scandito da alcuni progetti che portavano fino all’estate.

Quest’anno il clima è diverso. Già le feste del Natale sono state per noi un periodo singolare, impastato di ogni incertezza. Non andrà però meglio nei prossimi due mesi. Al momento di scrivere neppure sappiamo se il Veneto sarà zona gialla, arancione o rossa. È appena stato annunciato che le superiori resteranno chiuse fino a fine gennaio, ma non si comprende quale potrà essere l’esatto impegno della parrocchia. Pare che, di settimana in settimana, tutto possa cambiare. L’effetto sospensione che di solito si respira nelle “vacanze” del Natale potrà perdurare almeno fino all’inizio del mese di marzo.

Com’è cambiata la nostra esistenza e quant’è difficile ri-orientare la propria vita decidendo di giorno in giorno il da farsi! Il Vangelo del Battesimo ricorda una frase del Padre pronunciata su Gesù: egli è il Figlio “amato”. La consolazione sta nel fatto che, da quel giorno, siamo tutti figli amati e su questo Amore stabile si fonda la speranza.

don Gianni

Gesù non abbaglia: illumina

Inserito il 3 Gennaio 2021 alle ore 10:00 da Plinio Borghi

Gesù non abbaglia: illumina. Mi è piaciuto questo concetto messo in evidenza da un commentatore dei vangeli di questo periodo, il più frequentato dei quali è proprio il Prologo di Giovanni, presente anche in questa domenica. È un brano tutto fondato sulla luce, venuta per squarciare le tenebre e in particolare al n. 9 recita: “Veniva al mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo”. Il commento citato in effetti prende spunto dalle aspettative da sempre mal impostate sulla venuta del Messia, al quale di volta in volta si attribuivano tempi, ruoli e funzioni che solo il Padre conosceva e che comunque non potevano essere compresi fino in fondo dall’uomo né essere piegati alle esigenze del momento. Quando il Salvatore è arrivato, proprio il suo popolo si aspettava un liberatore dal giogo dei romani occupanti e pertanto non l’ha riconosciuto e non l’ha fatto perché non gli serviva quel tipo di figura. A noi, tuttavia, non avanza di recriminare, perché ci sarebbe piaciuto e ancora ci piacerebbe un Dio immanente e taumaturgo, un Dio che ci sorprendesse con effetti speciali, che ci elevasse dalla nostra condizione umana alla Sua (l’originale peccato in cui son caduti i nostri progenitori), che ci abbagliasse, appunto. Invece ha scelto una strada impensabile, ora come allora: quella di condividere con noi la sua divinità, assumendo Egli a tutti gli effetti, tranne che nel peccato, la nostra natura, proprio per illuminarci la strada verso la salvezza; come la stella non ha abbagliato ma guidato i Magi alla meta. Il Natale torna ogni anno, quindi, per ricordarci che abbiamo tutto lo spazio per diventare uomini nuovi, per accogliere il senso della buona novella che Gesù reca, per scrollarci di dosso la routine e la convinzione, come avevano gli ebrei, che bastasse osservare norme e precetti per essere a posto. Invece, come scrive don Sandro Vigani ne “L’incontro” di questa settimana, si è cristiani quando abbiamo incontrato la persona di Cristo e ne siamo rimasti affascinati, quando abbiamo toccato con mano la sua misericordia. L’Epifania ci manifesti come sempre la bellezza di questa realtà, la vera sostanza della salvezza; ci faccia capire bene il disegno di Dio su di noi e che ha voluto realizzare con l’invio del Figlio. Facciamo anche noi come i Magi: mettiamoci in cammino e lo troveremo. E la sua luce ci illuminerà. BUON 2021!

« Articoli precedenti